Riflessioni semiserie

Nonvolevometterciuntitolomahodovutoperforza

Avevo detto che sarei andata in pausa, ma così non è stato perchè ho tanto da dire e so che succederà in maniera confusa.

C’è chi dice che facciamo prima a sapere cosa non siamo, piuttosto che ciò che siamo. Io non ci credo, almeno per me non vale. Io so esattamente cosa sono, perchè non conoscendo mezze misure sono esattamente il contrario di ciò che non sono.

Io non sono una di quelle persone che si lamentano di tutto ciò che hanno e non hanno. Io non sono una che s’imbacucca e s’impastrocchia per uscire di casa al meglio (che poi è relativo), magari con i capelli conciati come miliardi di altre persone. Io me ne posso benissimo andare in giro con la tuta e una coda alta, senza tacchi a spillo che mi farebbero sbattere la testa sul soffitto e senza gioielli vari che mi facciano sembrare un albero di Natale.

Io non sono una persona che ha bisogno di inventarsi una serie di cavolate da raccontare agli altri per apparire un’altra. Non m’interessa, non voglio piacere nè compiacere per forza. Non sono una che non si accetta: mi accetto benissimo, non ho problemi nè nei confronti della mia testa, nè del mio atteggiamento, nè del mio corpo.

Io non sono una che si arrabbia senza motivo; un motivo anche infinitesimale c’è. Io sono sempre e ovunque uguale: non è che un giorno faccio la carina e il giorno dopo ti do una coltellata alle spalle. Sono coerente.

Ma soprattutto io non so odiare, non so portare rancore e non so invidiare. Per nessun motivo.

So benissimo di non essere perfetta e non mi frega niente di esserlo. Se c’è qualcuno che si crede un dio sceso in terra perchè ha la media universitaria più alta di 3 punti rispetto alla mia, mi limito a trattarlo con sufficienza.

E un’altra cosa che non mi piace (non c’è nessun riferimento ai discorsi che ci sono stati sui vostri blog, sono cose che penso da tanto) è l’omologazione: se io sono donna allora mi deve piacere lo shopping, se sono donna devo fare la cretina e parlare solo di smalti e scarpe, se sono giovane devo essere una pazza scatenata che si ubriaca e va in giro a farsi le canne (o peggio) e tante altre cose legate al mio stile di vita, alla mia città o ai miei orientamenti politici o musicali. Baggianate!!!

Annunci

32 thoughts on “Nonvolevometterciuntitolomahodovutoperforza

  1. Su molte cose mi trovi d’accordo! Bisogna piacere a se stessi, stare bene con se stessi! L’omologazione sopraggiunge quando ci sono dei vincoli societari però. Ad un colloquio o una riunione di lavoro non posso andare come mi pare e piace.. se voglio far colpo su un ragazzo non mi presento in tuta perché sono comodo. Ok, forse sono un po’ fuori tema. Della serie che anche io non faccio cose eclatanti, anche se ho qualche anno più di te. La tranquillità, ma anche l’improvvisazione, è il mio mestiere =)

    1. No beh, per un lavoro è diverso perchè un luogo di lavoro presuppone un certo stile e un certo ordine. Per dirti, quale impiegato, ad esempio, di una banca andrebbe in ufficio coi capelli verdi? Non mi riferivo ai luoghi di lavoro, ma al tempo libero.
      Ma sai cosa… a me non interessa vestirmi bene per piacere ad una persona. Il mio primo ragazzo mi ha vista per la prima volta in spiaggia coi capelli tutti sporchi di sale e un prendisole assurdo. Con quello attuale, invece, ad uno dei primi appuntamenti, ci sono andata coi pantaloncini e le infradito. Chissenefrega!

  2. Ovviamente parlavo di ragazzo, perché tu sei una ragazza. Nel mio caso ok, non metto giacca e cravatta,ma per una ragazza mi vesto un po’ meglio che da casa 😛 ecc.. ecc..

  3. Baggianate! Oddio, era un sacco di tempo che non sentivo questa parola…c’è qualche personaggio che lo dice sempre, vero? Oddio, non riesco a ricordarmi chi!…

    Comqunque sono d’accordissimo con te: non c’è cosa peggiore dell’omologazione, di portare tutti lo stesso taglio di capelli perchè va di modo, di vestirsi tutti alla stessa maniera perchè è trendy…ma dai!Così ognuno perderebbe le sue peculiarità e la sua individualità che sono le cose che rendono una persona speciale.

    1. Ah, non lo so, l’ho sempre usata anche io questa parola!

      Parlando sempre di omologazione, qualche anno fa un amico, appena ho detto che voto a destra, mi ha detto: “ma sei giovane, devi scegliere la sinistra!”. Dopo anni non ho ancora capito il nesso.
      Per quanto riguarda i capelli e i vestiti, considera che al liceo andavo in una scuola dove il fighettume consisteva nel 90% della popolazione della scuola. Le ragazze erano tutte bionde (ma come facevano poi ad essere tutte bionde?), 1.65 m, capelli lunghi, magrissime e firmatissime, tipo Barbie praticamente. I ragazzi tutti uguali, firmatissimi col ciuffo di lato (che poi secondo me ‘sto ciuffo di lato li faceva sembrare ebeti, ma comunque…). Poi c’era un 2% di persone normali che se ne infischiavano, tra cui io, e un 8% di sfasciati (ovvero metallari, fattoni e gente che comunque aveva scelto un altro stile). Questi ultimi ovviamente criticatissimi dal 90% dominante.

      1. La situazione non è molto cambiata, a parte il fatto che adesso non va più di moda il biondo, bensì il nero: quindi dove ti giri ti giri, sei circondata da ragazzine con i capelli neri (la maggior parte dei quali tinti, ovviamente), piastrati, con la frangetta, e magari una mollettina a forma di stella. Questo soprattutto tra i primi e i secondi, per fortuna salendo di età la situazione migliora, anche se non possono esculdersi dei casi disperati anche nei quinti, prossimi alla maturità.

        P.S. Sono convintissima di aver già sentito “baggianate” in un film, forse era Scrooge in “Canto di Natale”…ah no, lui diceva: “Sono tutte scempiaggini!” 😉

        1. Ahhh, “non va più di moda” mi fa sembrare che sia passato un millennio, mi sento vecchia *_____* Ma considerato che le mode passano anche nel giro di un mese, mi sento sollevata. Comunque sì, ora va la frangetta, quando ero a scuola io andava la riga di lato (che infatti adesso è rimasta più diffusa tra quelli della mia età). Siamo passati al nero? Oddio! Forse erano meglio bionde.

  4. le omologazioni le danno, solamente quelle persone, che sono banali, certe di una certezza che non c’è….Un bacio….Nyno.

  5. Mi ci ritrovo in molte delle cose che hai detto e soprattutto su una, e cioè che non provo invidia verso gli altri, prorpio perché come te, conosco i miei pregi e i miei difetti.

    Insomma, hai coscienza di te e questo è molto importante.

    Ciao! ;9

    1. Sì, anche perchè credo che l’invidia sia il risultato dell’insoddisfazione di se stessi. Io sono sempre stata soddisfatta, anche nei momenti in cui mi è mancato quello che poteva rendermi felice al cento per cento. 🙂

  6. Dimenticavo una cosa, sai anche essere gemerosa e lo hai dimostrato quando sei venuta da me come voce fuori dal coro, mentre “qualcuno” mi stava dando addosso sfogando una rabbia che non aveva motivo di esistere.

    Ti ho ringraziato? Se no, lo faccio adesso. 😉

    Anche questa è una grande dote.

    1. Ma figurati! Mi dà molto fastidio quando si attacca senza motivo, e poi quella situazione (comunque qualcosa di molto simile) l’avevo già vissuta e sapevo perfettamente come sarebbe andata a finire.
      Non preoccuparti, mi ha fatto piacere 🙂

    1. Esattamente. Poi ovviamente, con le dovute eccezioni. Non è che se vedo una persona tutta firmata generalizzo; magari quelle cose le piacciono davvero. Io mi riferisco a chi lo fa solo per apparire. Le cose firmate me le compro pure io, ma quando mi piacciono, e sicuramente non per farle vedere ad altri.
      Orgogliosissima 😛
      Grazie del passaggio 🙂

  7. Scusa, non era mia intenzione farti sentire “vecchia”!Ma dai, sei nel fior fiore degli anni!

    Mmmm, io preferisco le more rispetto alle bionde, ma una mora naturale, non artificiale ed uguale alle altre!Sembrano fatte tutte con lo stampino…

    1. Ma tranquilla, scherzavo!
      Io preferisco le castane, al massimo quelle coi capelli neri ma naturali. Tinti di nero sanno molto di dark, e la cosa non mi entusiasma.
      A proposito di stampino, in quinto ginnasio la prof. d’italiano s’è incavolata e a 5 mie compagne ha detto “sembrate fatte tutte con lo stampino, mi rispondete pure le stesse cose”.

  8. Ciao Valentina,mi presento sono Massimo un amico di blog per capirci meglio,mi son letto tutti i post prima di lasciare una mia parola che potrebbe non esser capita non conoscendomi mi pare onesto dirlo,quindi torno a ciò che ho letto e noto un filo conduttore in ogni dialogo,chiamiamolo così tra post e post,questo per il mio modo di vedere è un ottimo punto di riferimento non sono poliglotta e nemmeno uno studioso sono quello che sono..un dilettante del sorriso per amico.Buona Giornata e grazie ancora delle tue parole così veritiere.

Tu che pensi? Dimmi la tua :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...