Riflessioni semiserie

Eccoli

Sapevo che sarebbero arrivati e infatti sono arrivati. Chi? I saggi della situazione, quelli che vengono a dirmi “trovatene uno della tua città”, e sono tanti, sapete. Che bisogno c’è?

Forse sono fatta male, o sono semplicemente fatta a modo mio. Non voglio un fidanzato attaccato sempre addosso, anzi non lo voglio proprio. Non voglio cercarlo, non ne ho bisogno. Voglio essere indipendente. Non che l’eventuale ragazzo in questione debba essere una palla al piede, però il concetto è che mi piace come sto così. Forse è la forza dell’abitudine, ma dato che sono pure molto timida in certe cose riesco ad esprimermi meglio in qualcosa che non sia faccia a faccia. C’è chi preferisce così, fatevene una ragione.

Mi piace sapere che c’è qualcosa che è solo mio, che non devo sbattere in faccia agli altri, che riguarda me e non deve interessare a nessuno. Non sono quella che deve stare fidanzata per forza perchè se no s’impicca. Non mi serve avere una presenza accanto continuamente. Quello che io voglio è un’oasi di pace, una mia isola personale in cui rifugiarmi quando non sono con gli altri (fisicamente o mentalmente) e non vivo la mia vita pubblica. Qualcosa che anche se non ce l’ho davanti mi faccia sentire travolta, presa nella rete.

Annunci

22 thoughts on “Eccoli

  1. Io alla fine ho tagliato la testa al toro e ce li ho mandati tutti quanti a quel paese lì con tanto di residenza e carta d’identità nuova 😛

    Tanto la lagna era sempre quella: “Ma perchè non te la sei cercata più vicino?”, “Proprio lì dovevi andare a finire?”, “Bla bla bla… gnè gnè gnè… cò cò cò…”, ecc. ecc.

    Ovviamente le lagne partono sempre da chi dovrebbe starsene zitto/a…

    Mia risposta (con insospettata e rara calma e tranquillità): “Guarda, sai che c’è? Per trovare una risposta alla tua domanda ti mando da questa persona che conosco e che ti potrà illuminare su tutto quanto. Si chiama Avadha Afanghul ed è il sindaco di un paese non molto lontano. Facci visita e digli che ti mando io e ti racconterà tutto.”

    Ovviamente la faccia che fanno a questa risposta è identica a quella di un eschimese a Milano o, per dirla meglio, stile mucca al passaggio del treno 😉

    1. Ahahahaha bellissimo!
      Però per come te lo dicono (“perchè non te ne TROVI uno più vicino?”) sembra quasi che andiamo per le strade a cercare col lanternino il fidanzato. Ma quando mai? Io non ho mai cercato nessuno, le cose capitano da sole.

      1. Appunto, come se per noi sia una cosa divertente cercarceli lontani, no? “Eh sai potevo avercela più vicina ma se non sono lontane almeno qualche migliaio di km non sono contento”. Bah -.-

  2. Oooooh ecco!!! Va bene la razionalità (quella ci vuole sempre in ogni caso), ma anche lasciarsi trasportare dall’istinto è una cosa utile, anche perchè altrimenti si perdono le occasioni migliori 🙂

    E per l’esterofilia si organizza un bel pulmino Volkswagen anni ’60 con i colori psichedelici e si parte in gita dove si arriva si arriva ahahahahahah

  3. come ti capisco! nel mio caso siamo alla fase “ti presento un mio collega…” e “perchè non ti iscrivi ad un corso di (…da riempire a piacere…)?”, che dopo 2 anni di questa litania mi verrebbe voglia di prendere a badilate l’interlocutore (ovviamente tipo/a che, dopo anni di pianti e lacrime perchè single, si fidanza con la/il prima/o presentata/o da amici e decide che adesso SA cosa sia meglio per tutti, perchè tu sei come lui/lei e DEVE risolvere la tua triste condizione…)

    1. Ma poi dobbiamo essere tutti fidanzati per forza secondo certa gente, e in più con qualcuno che magari abita pure nello stesso pianerottolo. No, a me piace mantenere le distanze, e poi non ho bisogno di nessuno.
      Tutti sanno cosa è meglio per te ma quando poi si lasciano loro ti dicono che hanno fatto l’errore più grande della loro vita e piagnucolano.
      Un bel chissenefrega e via!

  4. Eh, s’immischiano sempre! Sparano giudizi o consigli non richiesti su argomenti delicati e talmente complessi da non poter essere liquidati con frasi fatte e sciocchine. Alcuni non lo fanno per cattiveria, ma solo – dal loro punto di vista – per incoraggiare un po’.

    Fai bene a seguire il tuo cuore, fai bene a non porti troppi problemi. Sei tu, del resto, che sai di cosa hai bisogno in questo momento.

    Dulcis in fundo, no, non bisogna essere fidanzati per forza, anche se la collettività si aspetta questo. Ci si fidanza quando si desidera farlo. E stop.

    1. Sì sì, ma infatti non lo fanno con cattiveria, però bisogna considerare che quello che voglio io non è necessariamente quello che vogliono loro o che loro credono sia meglio. Seguo me stessa, vediamo dove si arriva 🙂

  5. Bah. Non ascoltare quelli che pensano di sapere cosa devi fare della tua vita, sarebbe tempo sprecato. Fai ciò che ti far star bene e fregatene di loro!

Tu che pensi? Dimmi la tua :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...