Passioni

Giornata libresca

Oggi, come alcuni di voi sapranno si celebra la giornata mondiale del libro e del diritto d’autore e in tutto il mondo si organizzano manifestazioni di vario tipo. Ma io, che sono un’appassionata di libri, letteratura, autori e lingue, so anche che in questa giornata, che potremmo definire funesta, ricorre anche l’anniversario di tre personaggi che mi accompagnata nel mio percorso studentesco:

  • Miguel de Cervantes Saavedra (nato nel 1547)
  • Garcilaso de la Vega El Inca (nato nel 1539, scrittore peruviano, da non confondere con l’altro Garcilaso, poeta spagnolo)
  • William Shakespeare (nato nel 1564)

Non sto qui a dire tutto quello che si potrebbe dire su queste tre grandi personalità, soprattutto sul primo e sull’ultimo, ma ce ne sarebbero di cose da raccontare. Non voglio tediarvi con la mia passione smodata, però. Vi dico solo che oggi mi sono recata a QUESTO evento, che viene organizzato ogni anno qui a Palermo e che è stato coordinato da una professoressa con cui ho avuto il grande onore di studiare circa quattro anni fa il bellissimo e geniale romanzo di Cervantes, Don Quijote de la Mancha. Io sono arrivata un po’ tardi e non ho assistito a tutta la lettura, ma in tempo per leggere io stessa in lingua originale parte di un capitolo del secondo volume. Inizialmente ho avuto un po’ paura che mi s’inceppasse la lingua per la tensione, ma è andato tutto bene. Alla lettura sembra di sentire il sapore di un’epoca e di riscoprire dei valori che sono sempre attuali. Sono comunque veramente contenta di aver partecipato, perchè in questi anni non ci sono mai potuta andare, e finalmente ne ho avuto l’occasione.

Detto questo, se vi trovaste a Palermo (per qualsiasi motivo) domani potete partecipare a QUESTO evento, che mi sembra molto interessante. Io non ho mai letto nulla della Agnello Hornby nonostante mio zio mi abbia regalato poco tempo fa proprio il libro di cui lei parlerà. E’ l’occasione buona per conoscere personalmente l’autrice prima ancora di intraprendere un percorso di conoscenza attraverso la sua opera.

E dato che oggi è la giornata del libro vi faccio qualche domanda:

– Cosa state leggendo per ora?
– Qual è il vostro autore preferito?
– Qual è il vostro genere preferito?
– Qual è il libro più bello che abbiate mai letto? Perchè?
– Qual è il libro che vi ha davvero insegnato o trasmesso qualcosa nella vita?

Su, su, fatevi avanti!

Annunci

16 thoughts on “Giornata libresca

  1. Al momento leggo solo libri per la tesi e per gli esami, haha.
    Il mio autore preferito credo sia Poe. Amo anche tanti autori nel senso di filosofi, ma spesso più per quello che pensano che per come scrivono…
    Il mio genere preferito è il fantasy, però quello che si mescola con la vita vera, non so se mi spiego…
    Di libri belli letti ce ne sono troppi, non ne ho solo uno. Per dirne uno a caso, Amabili Resti.
    Per concludere, un libro che mi ha davvero insegnato qualcosa credo possa essere Veronika Decide di Morire.

    1. Ehhh ti capisco, anche se cerco sempre di trovare uno spazietto per le letture di piacere, vengono prima di tutto il resto!
      Di Poe non ho mai letto niente 😛
      Veronika decide di morire ce l’ho in versione ebook, da leggere più in là, ma dicono tutti che sia molto bello.

  2. – Cosa state leggendo per ora? Istruzioni per rendersi infelici, P. Watzlawick
    – Qual è il vostro autore preferito? Forse, e dico forse, Murakami.
    – Qual è il vostro genere preferito? Romanzi, per lo più, non necessariamente storie d’amore, ecco.
    – Qual è il libro più bello che abbiate mai letto? Perchè? Eh! Troppo difficile!!
    – Qual è il libro che vi ha davvero insegnato o trasmesso qualcosa nella vita? Tokyo Blues di Murakami, per l’appunto.

    Ma ora voglio sapere le tue, di risposte!! 😀

    1. Mmmm anche Murakami mi manca!
      Ecco le mie risposte 😛

      – Cosa state leggendo per ora? Il mio nome è nessuno di Valerio Massimo Manfredi
      – Qual è il vostro autore preferito? Manfredi appunto 😛
      – Qual è il vostro genere preferito? Leggo classici in generale, non ho un genere ben preciso
      – Qual è il libro più bello che abbiate mai letto? Uhm credo Don Chisciotte
      – Qual è il libro che vi ha davvero insegnato o trasmesso qualcosa nella vita? Può sembrare assurdo ma Il giovane Holden, mi ha fatto ampliare i miei orizzonti e mi ha aperto la mente. Fino ad ora l’ho letto tre volte.

  3. Le mie risposte te le do pure io!
    Leggo : il libro di procedura civile, anche se mi attende La presidentessa, di Clarìn
    Autore preferito: Louise May Alcott, per dire un nome, ma mi è difficile scegliere
    Genere: fantasy in particolar modo, ma sono una serial reader! Leggo qualunque cosa!
    Libro più bello: Il romanzo di Alessandro, di Manfredi, bello, ben scritto, avvincente…tutto!
    Libro che mi ha trasmesso: sarà banale, ma da grandissima fan dico Harry Potter, ci sono cresciuta e mi ha guidata negli anni di crescita insegnandomi molto!

    1. Uhhh, Clarìn! Sei la prima che mi dice di leggerlo non sotto costrizione universitaria. Mi piace!
      Anche a me piace molto la Alcott e condivido la lettura di qualsiasi cosa 😛 E Manfredi… ❤
      Harry Potter io non l'ho letto tutto, non mi è capitato, ma ne riconosco il valore!

  4. Hai letto in lingua! 😀 Immagino l’agitazione a me vengono le paranoie a leggere in italiano in pubblico 😳
    Cervantes è uno degli autori che voglio leggere non vedo l’ora! ^^

    Risposte:
    1. La stanza di Jacob. Ero distratta durante la prima lettura ma l’ho ripreso dal principio…Virginia Woolf; ho detto tutto.
    2. Oltre Virginia Woolf c’è Lev N. Tolstoj.
    3. Non credo di averne in definitiva: dammi un libro scritto bene ed è fatta. Credo che non leggerei giusto gli horror ma mai dire mai
    4. Ah! Volendo fare la patetica sempre l’ultimo che ho letto, ma è difficile. Non so risponderti se non “Il Dio del Fiume” Wilbur Smith, ma è stato tredici anni fa e posso dirti questo titolo perché mi coivolse tantissimo. Ma ora è “Cime Tempestose”…cambia l’età, cambia la preferenza, cambiano le sensazioni…
    5. “Le Parole che non ti ho detto” proprio perché non mi è piaciuto del tutto, mi ha fatto riflettere. Harry Potter perché dice, in sostanza: “puoi avere una bacchetta magica in mano e superpoteri, ma se non hai altre doti la puoi buttare nel cassonetto, la bacchetta…”
    Cime Tempestose: lui brutto e cattivo, lei una bellissima arpia, ma si amano davvero…

    Ecco 😀 (sintetico vero? 😆 )

    1. Sì, sì, ma era uguale leggere in italiano o in spagnolo, alla fine la tensione era sempre quella. Però è andato tutto bene. Cervantes leggilo, non te ne pentirai!
      Sai che Virginia Woolf non mi attira? Ho letto qualcosina studiando letteratura inglese, ma non m’ispira 😦
      Cime Tempestose è un capolavoro!!!

  5. Eh, sì son gusti! A parola d’altri può essere tutto bello e meraviglioso ma se non t’ispira è inutile…te ne dico una: Nicole Kidman ha preso l’Oscar per aver interpretato Virginia Woolf? Bene: ha ammesso che da giovane i libri della Woolf non le piacevano affatto. Poi per la parte assegnatale li ha riletti e ha cambiato idea, ma fino ad allora… Sensazioni. Non ci si può fare molto…

    Cime Tempestose forever! ❤

  6. A questo articolo rispondo più che volentieri.
    – Cosa state leggendo per ora? “Guida galattica per autostoppisti” di Douglas Adams, un classico della comicità inglese, un libro di fantascienza trattato con ironia e divertimento, quasi in modo surreale e idiota. Da leggere.
    – Qual è il vostro autore preferito? Su tutti rispondo ANNE RICE. Tutta la serie delle “Cronache dei vampiri”, le “Streghe di Mayfair”, e i libri singoli come “La mummia”. Non si possono definire horror perché contengono amore, odio, sessualità, paura, religione,… horror sarebbe un aggettivo che non li descriverebbe correttamente.
    – Qual è il vostro genere preferito? Direi thriller, suspance, ma un pizzico d’amore non guasta.
    – Qual è il libro più bello che abbiate mai letto? Perché? Ce ne sono troppi, uno degli ultimi che ho letto è “La moglie dell’uomo che viaggiava nel tempo” di Niffenegger. Sono stato rapito dai protagonisti fin dalle prime pagine tifando per la loro storia.
    – Qual è il libro che vi ha davvero insegnato o trasmesso qualcosa nella vita? Anche qui troppi libri mi insegnano qualcosa. L’ultimo è stato “Colpa delle stelle” sul tema della morte e della voglia di viviere. =)

    1. Il primo non lo conosco! Me lo segno, anche se ho una lista luuuunghissima!
      Anne Rice mi manca pure, ma la conosco. L’amore comunque ci sta sempre, secondo me è un elemento da non escludere mai.
      Non conosco nemmeno l’ultimo. Mi manca tantissimo! Purtroppo non basta una vita per leggere tutti i libri del mondo 😦

  7. Troppo distante Palermo per me 😉
    Però posso rispondere alle domande:
    – Cosa state leggendo per ora? “Il simbolo perduto” di Dan Brown
    – Qual è il vostro autore preferito? Non ti saprei rispondere perchè in effetti forse nemmeno ce l’ho un autore preferito
    – Qual è il vostro genere preferito? Thriller
    – Qual è il libro più bello che abbiate mai letto? Perchè? Senza ombra di dubbio l’intera saga di Harry Potter. Il motivo l’ho spiegai ampiamente qui —> http://ziobob78.wordpress.com/2008/01/19/rapito-da-hp/
    – Qual è il libro che vi ha davvero insegnato o trasmesso qualcosa nella vita? Forse è un titolo di cui si abusa, ma credo sia proprio “Il piccolo principe”. Un libro che ogni adulto dovrebbe leggere e non solo una volta. Leggerlo ogni tanto credo faccia bene. Un libro da regalare a chi si vuol bene.

    1. Il simbolo perduto l’ho letto l’anno scorso. Onestamente mi è sembrato che molte cose se le potesse risparmiare, magari le ha messe per allungare il succo. Poi fammi sapere che ne pensi 🙂
      Il piccolo principe invece l’ho letto tre volte e non l’ho mai amato come lo amano tutti quelli che lo leggono. Poi dipende dalla personalità, per me non è che sia troppo profondo, ma c’è troppa dolcezza e troppo affetto lì dentro. Io sono un po’ più dura di modi 😛

  8. La festa del libro – per fortuna – prosegue anche tutto il mese di maggio. Si dovrebbe incentivare la lettura e l’acquisto dei libri.
    Una provocazione; (tanto ce ne son per ogni cosa) una piccola tassa – simbolica – di due euro a chi non acquista almeno tre/quattro titoli l’anno.
    😉

Tu che pensi? Dimmi la tua :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...