Sproloqui

Le mie letture e tante altre cose vecchie e nuove

Primo maggio e sono a casa. Avevo tre inviti per scampagnate e una quarta opzione (la prima giornata della festa di Monreale) ma non stando proprio benissimo ho deciso di restare a casa in tranquillità. Poi io mi ribello sempre alle festività. Ad ogni modo credo di essere rimasta scioccata dai festeggiamenti del 2009, quindi mi fa bene stare un po’ buona, pure perchè negli ultimi tempi mi sono divertita molto, forse anche troppo. Ho voglia di leggere e guardare telefilm oggi. E pensare a come organizzarmi la vita dato che a giugno ci sono gli esami e tra un po’ aspetto anche una visita importante, e l’aspetto con gioia. Dunque finchè sono lucida voglio programmare tutto al meglio. E poi il 5 maggio Ei fu. Siccome immobile… e divento immobile pure io perchè mi scade l’abbonamento in palestra. Onde evitare di rinnovarlo per un solo mese me ne andrò in piscina perchè non ho intenzione di perdere la pseudoforma che ho conquistato duramente quest’anno, o almeno voglio provarci.

E per ora leggo anche molto. Vabbè che sono libri più o meno brevi, ma come sapete ho letto Le notti bianche, poi mi sono data a Il mio nome è Nessuno – Il giuramento di Valerio Massimo Manfredi (ammmmore mio!) e Tua, recensito su Leggeremania dalla mia cara amica e collega omonima Valentina. Quest’ultimo vi invito a leggerlo, e a leggere anche la recensione, perchè ne vale davvero la pena, anche se onestamente sono rimasta infastidita dai protagonisti.
Quello di Manfredi, invece, beh… ormai compro i suoi libri senza neanche leggerne la trama perchè è il mio eroe. Un libro magnifico. Dopo che l’ho finito mi è rimasto il vuoto dentro. Io amo la storia antica e la mitologia, ma questo libro, che ripercorre le vicende dell’Iliade viste dagli occhi di Ulisse, è un capolavoro. Ma non vi svelo nulla perchè ho scritto un articolo e a breve ve lo linkerò, quando verrà pubblicato. Se sarà infarcito di aggettivi come “bellissimo”, “grandioso”, “fantastico”, “leggendario”, non fateci caso, è il delirio di un’esaltata (la sottoscritta) che è innamorata da anni di uno scrittore di altissimo (eccallà) livello. Ho pure deciso di rivedere Troy perchè leggendo di Achille (i pianti che ho fatto quando Manfredi narra della sua morte e del funerale non ve li posso raccontare) è inevitabile per me pensare a Brad Pitt. Anzi, vi dico di più, nella mia testa Achille e Ulisse che parlano sono Brad Pitt e Kirk Douglas! So benissimo che ci sono molti errori in questo film, ma che dobbiamo fare? Achille è Achille. E credo che sia la figura mitologica che amo di più fra tutte. Insieme a Menon di Tessaglia che però è esistito davvero; le sue gesta sono raccontate nell’Anabasi di Senofonte e ne L’armata perduta di Manfredi, che vi consiglio di leggere, ve ne innamorerete anche voi! Ve l’avevo detto che ero appassionata!!!

Detto questo mi rilasso un po’ e mi do alla lettura di una delle pochissime cose che mi restano da leggere della mia cara Jane Austen, Lady Susan. E’ piccinissimo, anche questo preso a 99 centesimi.

Buon primo maggio a tutti e a presto! Voi avete novità? Che mi raccontate?

Annunci

17 thoughts on “Le mie letture e tante altre cose vecchie e nuove

  1. Della Newton a 99 centesimi ho comprato ad ora quattro libretti, tra cui anche Lady Susan 😀 volevo farne un post ma senza volerlo diventava uno spot (e l’anagramma cade proprio a fagiuolo direi; basta proprio poco per cambiare il senso di tutto…). Non sono ancora patita di letteratura classica…be’ una volta ero mezza fissata con i dei greci e le loro storie; poi si è persa la vena… 😕 Capisco però quello che intendi: Brad Pitt era perfetto per quel ruolo (mi manca Kirk Douglas però; grande attore!…) 😀

  2. mio padre come favole da bimbo mi raccontava l’iliade e l’odissea (forse da li nasce la mia passione per il fantasy)
    quindi ovvio che questo film sia stato per certi versi un obbrobrio storico-mitologico, eppur emi è piaciuto un sacco lo stesso 😉

    1. A me non ne raccontavano favole, poi non ero capace di restare ferma così tanto da sentirne una ahahaha Però fin da piccola – adesso non so dirti come, forse pure a scuola – sono entrata in contatto col mondo della mitologia. Figurati che in quinta elementare a fine anno abbiamo messo in scena l’Odissea; io facevo tre parti: la donna troiana a lutto perchè le erano morti un sacco di parenti in guerra, la lotofaga e… la sirena!!! Una recita molto carina perchè avevamo letto una versione semplificata del poema omerico e il maestro di recitazione aveva lasciato fare a noi, quindi tutta questa cosa l’avevamo creata noi bimbi, lui aveva solo dato gli input. Che ricordi!
      Ma questo non c’entra. Il mio professore di latino e greco, quando uscì Troy, era scioccato, poverino!

    1. Ahahahaha anche la mia è lunghissima, ma devo capire che una vita intera non basta per leggere tutti i libri del mondo, quindi, ahimè, fallirò nell’impresa.
      E’ davvero bellissimo, poi pubblicherò il mio articolo 😉

Tu che pensi? Dimmi la tua :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...